IV. Esiodo

Esiodo

(fine VIII-inizio VII sec.)

Teogonia (1022 esametri; lingua dell’epos)

Potrebbe essere l'”inno” con cui Esiodo vinse nell’agone in onore di Anfidamante svoltosi a Calcide, in Eubea (ne parla alla fine delle Opere).

  • L’inno alle Muse (1-115). La consacrazione di Esiodo, la poetica del vero e del falso, il dono pacificatore della poesia.
  • Tifonomachia (820-880)
  • il raccordo editoriale con il Catalogo delle donne

Le opere e i giorni (828 esametri; lingua dell’epos)

Il primo esempio di epica didascalica (ma senza che questo presupponga già per le Opere un genere autonomo quale si venne definendo solo più tardi); un’architettura etica del mondo fondata su Zeus.

  • Le due contese (11-41)
  • Pandora, la prima donna (42-105)
  • Le generazioni degli uomini (106-121)
  • La favola dello sparviero e dell’usignolo (202 ss.)
  • Le esortazioni a Perse (286 ss.)
  • I lavori agricoli (383-617)
  • I giorni (765-828)

Catalogo delle donne o Eee (Ἠοῖαι) (esametri; lingua dell’epos).

Il nome Ἠοῖαι deriva dalla formula ἠ’ οἵη (lett. “come quale”) impiegata occasionalmente nel poema.

In cinque libri, descrive attraverso una complessa architettura genealogica l’età eroica, ovvero il periodo che va dalla conclusione dell’età teogonica fino alla guerra di Troia. L’opera illustra l’epoca in cui gli dèi e i mortali ancora vivevano insieme (e in alcuni papiri non vi è soluzione di continuità fra la Teogonia e il Catalogo delle Donne) attraverso le varie generazioni nate dalle unioni fra dèi e donne mortali. L’ultimo libro è concluso dal catalogo dei pretendenti di Elena.


Lo scudo di Eracle (480 esametri; lingua dell’epos). I primi 56 versi coincidono con l’Eea di Alcmena, tramandata come tale anche nel Catalogo delle donne, e narra l’uccisione di Cicno da parte di Eracle.


Letture consigliate

Teogonia: 1-34 (proemio), 233-264 (le Nereidi), 570-612 (Pandora), 886-929 (le nozze di Zeus).

Le opere e i giorni: 27-41 (la lite con Perse), 174-201 (l’età del ferro), 582-608 (l’estate), 647-662 (Esiodo a Calcide).