13. Il presente (II): il congiuntivo

Coniugazione tematica: il presente congiuntivo di γράφω “scrivere”

Le terminazioni del congiuntivo coincidono con le terminazioni del presente indicativo tematico, con la differenza dell’allungamento della vocale tematica. Le terminazioni del congiuntivo coincidono per le due coniugazioni.

Attivo Medio-passivo
Is. γράφ-ω γράφ-ωμαῐ
IIs. γράφ-ῃς γράφ-
IIIs. γράφ- γράφ-ηταῐ
Ip. γράφ-ωμεν γραφ-ωμεθα­
IIp. γράφ-ητε γράφ-ησθε
IIIp. γράφ-ωσι(ν) γράφ-ωνταῐ
IId. γράφ-ητον γράφ-ησθον
IIId. γράφ-ητον γράφ-ησθον

Coniugazione atematica: il presente congiuntivo di δείκνυμι “mostrare”

Attivo Medio-passivo
Is. δεικνύ-ω δεικνύ-ωμαῐ
IIs. δεικνύ-ῃς δεικνύ-
IIIs. δεικνύ- δεικνύ-ηταῐ
Ip. δεικνύ-ωμεν δεικνύ-ωμεθα­
IIp. δεικνύ-ητε δεικνύ-ησθε
IIIp. δεικνύ-ωσι(ν) δεικνύ-ωνταῐ
IId. δεικνύ-ητον δεικνύ-ησθον
IIId. δεικνύ-ητον δεικνύ-ησθον

Ιl presente congiuntivo di εἰμί “essere” e di φημί “dire”  

εἰμί φημί
Is. φῶ
IIs. ᾖς φῇς
IIIs. φῇ
Ip. ὦμεν φῶμεν­
IIp. ἦτε φῆτε
IIIp. ὦσι(ν) φῶσι(ν)
IId. ἦτον φῆτον
IIId. ἦτον φῆτον

Usi sintattici del congiuntivo 

Il congiuntivo è il modo che, nelle proposizioni indipendenti affermative, ha valore iussivo (esortazione, comando, divieto). In questo tipo di proposizioni la negazione è μή.

ἐρχώμεθἐς Δῆλον andiamo a Delo!

μὴ ἀνόητα λέγωμεν non diciamo cose stolte

Il congiuntivo esortativo può essere preceduto da ἄγε, ἀλλά, φέρε, ἴθι, δεῦρο.

Nelle proposizioni interrogative, sia indipendenti sia subordinate, ha connotazione dubitativa (in italiano resa dal condizionale del verbo “dovere” + infinito).

πῶς μάχωμαι τῇ τύχῃ; in che modo dovrei combattere con la sorte?

ἔλθω τῶν ἐμῶν κακῶν πέλας; dovrei avvicinarmi alle mie sciagure? (Eur. Herc. 1109, cf. Med. 1275)


Esercizio 13.1

Traduci:

  1. Οἱ παλαιοὶ ποιηταὶ ἐν ταῖς ᾠδαῖς ᾖδον τήν τε πολιτῶν ὁμόνοιαν καὶ τὴν τῶν στρατιωτῶν ἀνδρείαν.
  2. Σὺν τοῖς Ἀργοναύταις ἀπήρχετο καὶ ὁ Ὕλας, νεανίας ἐν τῇ τῆς ἡλικίας ἀκμῇ.
  3. Ὁ Τάνταλος ἐν τῷ Ἅιδῃ δίψῃ καὶ λιμῷ ἐπιέζετο.
  4. Ὁ Ἀνδοκίδης τὰ ἱερὰ ἐπεδείκνυ τοῖς ἀμυήτοις.
  5. Ὁ Ἀλέξανδρος ἐπανῆγε σώους τοὺς στρατιώτας ἐπὶ τὸ στρατόπεδον.
  6. Οἱ βάρβαροι ὑδρεύεσθαι ἀπὸ τοῦ Μαιάνδρου ποταμοῦ ἠναγκάζοντο.

Esercizio 13.2

Traduci:

  1. Ἀθρόοι οἱ πολῖται ἧκον εἰς τὴν ἐκκλησίαν.
  2. Ὁ στρατὸς διὰ τῆς ἀνύδρου Λιβύης ὤδευε ἄποτος.
  3. Νύμφη δ’ ἄπροικος οὐκ ἔχει παρρησίαν.
  4. Ἦσθα δ’ ἐν τῷ βουλευτηρίῳ, ὅτε οἱ λόγοι ἐγίγνοντο περὶ ἡμῶν (“riguardo a noi”);
  5. Ὁ σατράπης ἐπικούρους τε ἐμισθοῦτο (=ἐμισθόετο) καὶ τοὺς ἐπιθαλασσίους ἀνθρώπους ἔπειθε σὺν ἑαυτῷ (“con lui”) στρατεύεσθαι.

Esercizio 13.3

Traduci:

  1. Πῶς μὴ λέγωμεν τὴν ἀλήθειαν;
  2. Πῶς οὖν παιδεύωμεν ἀλόγους ἀνθρώπους;
  3. Ἴθι οὖν λόγῳ παιδεύωμεν τοὺς ἄνδρας (“uomini”).

Esercizio 13.4

Traduci:

  1. L’esercito di Nicia si accampa nella regione di Siracusa.
  2. La Siria e l’Armenia sono in Asia.
  3. L’esercito di Serse esce dalla Beozia e passa in Attica.
  4. Noi salpiamo dalla Macedonia e sbarchiamo in Beozia.
  5. L’esercito degli Achei naviga alla volta di Troia, sbarca e si accampa.
  6. A (ἐπί + acc.) sinistra andiamo a Tegea; a destra a Mantinea.
  7. Il sentiero porta in Arcadia.
  8. L’intemperanza porta alla follia; la temperanza porta alla saggezza.

Lessico: i verbi γίγνομαι φέρω

Il verbo γίγνομαι ha diversi significati. È impiegato molto comunemente come sinonimo del verbo εἰμί (essere). Può inoltre significare “nascere”, “essere prodotto”, “diventare”, “accadere”, “aver luogo”.

πλὴν τοὺς ἐξ ἡμῶν γεγονότας tranne coloro che sono nati da noi (Isocr. 5.136)

ἐπεὶ δὲ ὅ τε μὴν ἧκεν ἐν ᾧ τὰ Ὀλύμπια γίγνεται quando giunse il mese in cui si celebrano le Olimpiadi (Xen. Hell. 7.4.28)

Il verbo φέρω è usato molto comunemente nell’accezione “portare”, “portare via”. Può anche significare “produrre”, “sopportare”, “tollerare”, “condurre”.

ἐσθίουσι πλείω ἢ δύνανται φέρειν mangiano più di quanto possano sopportare (Xen. Cyr. 8.2.21)

ἄμπελοι, αἵ τε φέρουσιν | οἶνον ἐριστάφυλον viti che producono vino (Od. 9.110-111)

ὁδὸν φέρουσαν ἐς ἱρόν la via che conduce al tempio (Hdt. 2.122)